mercoledì 24 aprile 2013

Waiting for the buk

Un uomo abbastanza pazzo da risultare saggio disse che l’immaginazione ci è stata concessa per compensarci di quello che non siamo e che il senso dell’umorismo ci è stato dato per consolarci di quello che siamo. 
(Wonderland - Quando Alice se ne andò)


Sono due le cose che i bambini dovrebbero ricevere dai loro genitori: radici e ali.
  J.W. Goethe



14 commenti:

  1. Invece, leggendo il titolo del tuo post, a me verrebbe da dirti : Aspetta e spera ;)
    Buona giornata e felice attesa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che sperare...aspetto;)la tracciabilità aggiornata dice :arrivati a Palermo.
      Ecco il punto!I postini palermitani(che non sono esattamente anglosassoni) si smuoveranno il culo e mi consegneranno i libri celermente? Boh!
      Buona giornata :)

      Elimina
  2. Sembra un controsenso eppure, saper spaziare e poi tornare alla base, dimostrarebbe grande equilibrio.
    Buondì.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non credo sia un controsenso,ma penso anche che bisogna essere disposti a perdere un po del proprio "equilibrio"
      Buondì

      Elimina
  3. Bellissimo questo disegno, un po' diverso dagli altri ma mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:)E'un acquerello che si trova all'interno del book

      Elimina
  4. I postini palermitani sono gaudenti.
    eheheh
    FG

    Belli gli uccelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lagnusiiii ahahahah mia madre confondeva la mia indole alla meditazione con la lagnusia
      FG

      Elimina
    2. lo stesso accadeva a me :)))

      Elimina
  5. Quale meraviglia di massima e di regola da regalare ai bimbi...
    Senza parlare del disegno , che mi fa venir voglia di essere appollaiata all'albero e non scevdere mai...
    Bacio speciale mio caro Badit!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Barnie non dispiacerebbe stare appollaiato sull'albero con te:)
      Un bacio ed un abbraccio speciale cara Nella!

      Elimina
  6. Mi vengono alla mente avventurose storie di Salgàri!

    RispondiElimina